SQL*PAL Portal
Buongiorno, sei connesso come GUEST Martedi , 16 Settembre 2014 11:23
E' attivo il Calcolo ICI.
   Guida all'ICI  Home | Login | Registrazione | Comune di Suzzara  Help 
 
Come si calcola l'imposta?   
Pubblicazione  22/05/2003
Ultimo aggiornamento  04/06/2008


L'imposta si calcola sul valore degli immobili, fabbricati, terreni agricoli e aree fabbricabili, applicando, sulla base dei requisiti posseduti, una delle aliquote fissate annualmente e tenendo conto delle detrazioni e delle riduzioni d'imposta.

Valore degli immobili
Il valore degli immobili, detto base imponibile, si ottiene, con l'eccezione delle aree fabbricabili, a partire dalla rendita catastale per i fabbricati e a partire dal reddito dominicale per i terreni agricoli.
La rendita (per i fabbricati) e il reddito dominicale (per i terreni) sono valori attributi ai beni immobili dagli uffici del catasto.
Per le aree fabbricabili (non individuate come tali in catasto) il valore imponibile è dato dal valore venale, cioè dal valore di mercato delle aree stesse.

Come si calcola l'imposta per i fabbricati
Le operazioni da eseguire sono:

1. La base del calcolo è la rendita catastale risultante in catasto al 1° gennaio dell'anno d'imposta.

2. Questa rendita va aumentata del 5 per cento (art. 3 comma 48 Legge n.662/96)

3. Alla rendita così determinata va applicato un coefficiente moltiplicatore diverso a seconda della categoria catastale:
- Coefficiente 100 per tutte le categorie dei gruppi A , B , C, con l'esclusione degli uffici privati (classificati nella categoria A/10) dei negozi (classificati nella categoria C/1);
- Coefficiente 50 per gli uffici privati (classificati nella categoria A/10) e per gli immobili classificati nelle categorie del gruppo D (capannoni, alberghi, banche, cinema ecc.);
- Coefficiente 34 per i negozi ( classificati nella categoria C/1);
- Coefficiente 140 per i fabbricati classificati nei gruppi catastali B (collegi e convitti ecc). Detto coefficiente è stato rivalutato del 40% e detta rivalutazione decorre dal 03/10/2006.

4. Moltiplicata la rendita catastale, aumentata del 5 per cento, per il coefficiente moltiplicatore, si ottiene il valore del fabbricato, e cioè la base imponibile sulla quale calcolare l'imposta.

5. Applicando alla base imponibile l'aliquota opportuna tra quelle previste annualmente si ottiene l'imposta su base annua.

6. L'imposta da pagare è invece quella che si ottiene tenendo conto:
a) della percentuale di possesso (quota)
b) dei mesi di possesso (periodo)
c) delle seguenti detrazioni e riduzioni:
- detrazione per abitazione principale
- riduzione per inagibilità e inabitabilità;

Detrazione per abitazione principale: che cos'è? Come si applica?

La detrazione per abitazione principale resta in vigore per le unità immobiliare di categoria catastale A1, A8 e A9 adibite ad abitazione principale del soggetto passivo .
La detrazione dall'imposta dovuta  è pari a €. 103,29 da rapportare ai mesi durante i quali sussiste tale destinazione.
La detrazione, oltre che rapportata ai mesi di destinazione, deve essere suddivisa, nel caso in cui vi siano più contribuenti che dimorano nell'immobile, in parti uguali tra loro, prescindendo, quindi dalle quote di proprietà o di diritto reale di godimento.
Qualora la detrazione sull'abitazione principale fosse superiore all'imposta dovuta, l'eccedenza può essere scontata sulla eventuale pertinenza.

 
Come si calcola l'imposta dei terreni agricoli
Le operazioni da eseguire sono:

1. La base del calcolo è il reddito dominicale risultante in catasto al 1° gennaio dell'anno d'imposta.

2. Questo reddito dominicale va aumentato del 25 per cento.

3. Al reddito dominicale così determinato va applicato un coefficiente moltiplicatore pari a 75.

4. Moltiplicato il reddito dominicale, (aumentato del 25 per cento, per 75), si ottiene il valore del terreno agricolo, e cioè la base imponibile sulla quale calcolare l'imposta.

5. Applicando alla base imponibile l'aliquota prevista annualmente si ottiene l'imposta su base annua.

6. L'imposta da pagare è invece quella che si ottiene tenendo conto:
a) della percentuale di possesso (quota);
b) mesi di possesso (periodo);
c) delle riduzioni previste nel caso di conduzione di coltivatori diretti o imprenditori agricoli a titolo principale.
Attenzione: L'Agenzia del Territorio (catasto)  aggiorna i redditi catastali dei terreni agricoli in base alle dichiarazioni presentate dai soggetti interessati all'AGEA. Il contribuente deve verificare la propria posizione per adeguare il versamento dell'imposta alle eventuali variazioni colturali intervenute.

Come si calcola l'imposta delle aree fabbricabili

1. Ai sensi dell'art. 2 comma 1 lettera b) del D.Lgs. 30.12.1992, n. 504 per area fabbricabile si intende l'area utilizzabile a scopo edificatorio in base agli strumenti urbanistici generali o attuativi ovvero in base alle possibilità effettive di edificazione determinate secondo i criteri previsti agli effetti dell'indennità di espropriazione per pubblica utilità. Per la sussistenza dell'edificabilità dell'area è sufficiente la sola previsione di tale caratteristica nel Piano Regolatore Generale adottato dal Comune, indipendentemente dall'approvazione  della Regione e dall'adozione di strumenti attuativi al medesimo.
Per sapere se un'area è fabbricabile occorre rivolgersi al Comune di Suzzara - Settore Urbanistica che è tenuto, se richiesto dal contribuente, a rilasciare apposita attestazione.

L'area fabbricabile non è classificata in catasto come tale e quindi non esiste la base del calcolo, il valore imponibile è dato, dal valore venale in comune commercio ( valore commerciale) al 1° gennaio dell'anno di imposizione.
Il valore venale deve essere dichiarato dal contribuente.

La Giunta Comunale delibera annualmente il valore aree fabbricabili ai fini I.C.I. al primo gennaio dell'anno di riferimento, indicando dei valori medi ordinari orientativi per categorie di aree e per zonizzazione con finalità di orientamento all'ufficio tributi. 

2. Applicando alla base imponibile l'aliquota opportuna tra quelle previste annualmente si ottiene l'imposta su base annua.

3. L'imposta da pagare è invece quella che si ottiene tenendo conto:
- della percentuale di possesso (quota);
- dei mesi di possesso.

Gruppo Finmatica - Tutti i diritti riservati
J-Portal [Gruppo Finmatica - Bologna]
Versione 1.1.3  ( AFC 2005.05.4 )